Telefono




RAGNO D'ORO

Via Trieste, 18
33059 Villa Vicentina (UD) - Friuli Venezia Giulia


Giorno di chiusura: Lunedì pomeriggio
Aperto a pranzo: si



Sito Internet
   
Registratevi per essere informati sugli Eventi

Se volete lasciare un commento su FaceBook cliccate:

Commenti, Opinioni, Recensioni
     

Informazioni - Presentazione Azienda

Leggi tutto ...
Ragno d'oro Villa Vicentina
Il ristorante “Ragno d’oro” di Villa Vicentina è ubicato sulla statale numero 14 Venezia – Trieste, a dieci minuti dall’aeroporto di Ronchi dei Legionari e a 4 chilometri dall’antica Aquileia. In una posizione strategica, di passaggio, per molti versi ideale per una sosta, con comodo parcheggio. L’ambiente dispone di un bar, un’ampia sala per banchetti di circa 200 posti, una saletta, Sala Aurelia, con 30 posti e un bellissimo giardino, ideale per buffet all’americana.
Sono i primi anni cinquanta quando Rino Stabile apre a Villa Vicentina una pasticceria – laboratorio. In paese, ci sono delle caserme e Stabile rifornisce di paste e dolci i militari, quasi per addolcire le giornate a quei giovani che soffrivano di nostalgia perché lontani da casa. Accanto alla pasticceria Stabile, successivamente, apre un bar e lo battezza “Ragno d’oro”. Il fondatore dà questo nome al locale probabilmente per scaramanzia. Il detto “ragno porta guadagno” ha il suo peso nella scelta. Per dar più forza il ragno lo riveste d’oro. L’insegna rimane la stessa anche quando l’ambiente si propone come piccola trattoria. La storia fa il suo corso.
Rino Stabile muore e, nel dicembre 1976, la gestione della trattoria passa nelle mani del giovane Piero Medeot, gradese, non nuovo nel campo della ristorazione.
Piero arriva a Villa Vicentina dopo aver imparato a girare tra i fornelli e le pentole fin da bambino perché il papà Antonio, meglio conosciuto con il diminutivo Nino, e la mamma Maria aprono all’Isola d’oro, di fronte all’ingresso principale della spiaggia la trattoria “Da Nino”.
Grandi vassoi di scelti affettati e gustosi piatti che escono dalla cucina. Piero Medeot si incardina al “Ragno d’Oro” con le idee ben chiare. È favorito, in questo suo piano, specialmente quando, nel 1982, entra in scena la signora Aurelia Merluzzi.
Piero e Aurelia stabiliscono un tandem perfetto, lui in cucina, lei in sala. Il locale è soggetto a continue migliorie e trasformazioni. Da segnalare, in particolare quella del 2001.
In tutti questi anni il ristorante di Villa Vicentina, con un capillare e continuo lavoro si è imposto nel panorama gastronomico della regione ottenendo consensi sempre maggiori.

Tags

8 marzo festa della donna | Addio al celibato e nubilato | Aeroporto | Ampio parcheggio | Aperto a pranzo | Bambini | Banchetti | Battesimi | Camere | Cantina | Capodanno | Cena romantica | Cene e pranzi aziendali | Compleanni | Comunioni | Cucina creativa | Degustazioni | Dehor estivo | Eventi musicali | Ferragosto | Feste di laurea | Gorizia | Grigliate di carne e pesce | Location esclusiva | Matrimoni | Meeting | Menu per celiaci | Monfalcone | Natale | Nozze | Pasqua | Piatti tipici | Pranzi in famiglia | Pranzo | Ribolla gialla | Ricevimenti | San valentino | Senza glutine | Serate a tema | Storico | Tradizione | Trieste | Vini regionali |

Drink

Tell me more


NASCE UN PROGETTO CULTURAL GASTRONOMICO
Nel 2002 viene avviata, con il coordinamento e la regia del giornalista Silvano Bertossi e la collaborazione di Giorgio Milocco, una nuova iniziativa culturale e gastronomica, ideata per far conoscere la storia, la cultura la geografia, l’economia, la gente e i personaggi del passato e del presente che, in qualche modo, hanno avuto a che fare con la Bassa friulana, un territorio ricco di tradizioni e di storie, interessanti e quasi ignorate, oltre a quelle, invece, ben conosciute che riguardano Aquileia e Grado.
Attraverso la cucina – sostiene la squadra composta da Bertossi, Milocco e i due Medeot – si possono imparare molte cose: chi furono i popoli che passarono da queste parti lasciando una loro impronta, quali i prodotti offerti dall’agricoltura locale, la ricchezza e la povertà dei vari momenti storici; il tipo di economia che ha contraddistinto il territorio.
Nella bassa friulana orientale si sono succeduti i Romani, il Patriarcato di Aquileia che cessò di esistere nel 1751, i Francesi di Napoleone Bonaparte, gli Austriaci degli Asburgo e, infine, gli italiani. Ognuno ha lasciato un segno nella cultura, nella gastronomia e nelle vicende della gente.
“Sapori in compagnia della Storia” è stato un progetto con incontri programmati che, a partire dal 2002 e fino al 2006 con cinque appuntamenti annuali, che ha riproposto il meglio della cucina delle varie epoche. Un progetto che ha messo insieme cultura, storia e cucina con pietanze antiche, tradizionali e nuove che sono servite a dimostrare che la cucina è figlia e, contemporaneamente, nonna del suo tempo.
“Sapori in compagnia della Storia” ha inteso ricordare agli inizi del terzo millennio, in un secolo in cui la tecnologia sta prendendo il sopravvento, i fast food proliferano, la fretta di vivere fa dimenticare i personaggi importanti del passato, che la tavola è ancora un importante punto di riferimento.

A TAVOLA CON… LA STORIA DEL TERRITORIO
Dopo cinque anni, con venticinque appuntamenti alle spalle, è nata l’opportunità di testimoniare questo grande sforzo organizzativo dando alle stampe un riuscito libro, di 200 pagine, dal titolo “A tavola con… la Storia del territorio”, a cura di Silvano Bertossi. Un volume che, con testi, immagini, ricette e note storiche, svela le atmosfere, le aspettative e i risultati di questo grande progetto che ha coinvolto relatori, studiosi, ricercatori, e, soprattutto a tavola, appassionati della buona cucina.
Piero Medeot ha assolto, in questi anni, il non facile compito di preparare le ricette legate al tema della serata, Aurelia di provvedere a quanto serviva per illustrare meglio, con costumi, arredi, mostre, musiche, animazioni, l’evento o il personaggio scelto per la serata. Un grande lavoro fatto di tessere che dovevano essere disposte nel giusto ordine e cambiare di volta in volta. La pubblicazione mette in risalto le risorse del territorio, quelle agricole, quelle industriali rappresentate dalla Saici che, negli anni trenta, con la produzione della cellulosa, ha segnato un cambiamento epocale per un territorio in buona parte paludoso, con pochi boschi cedui, piccoli appezzamenti coltivati ma poco produttivi. La Saici ha acquistato e risanato questi terreni costruendo uno stabilimento e coltivando la canna per ricavarne le fibre tessili.
una zona, quella della Bassa, dove si sono incontrate tre culture, quella latina, quella tedesca e quella slava. Ma qui è stata presente anche la cucina del Maestro Martino da Como, famoso cuoco del suo tempo, che è stato al servizio a metà del XV secolo del Patriarca di Aquileia.
Uno degli incontri è stato quello dedicato a Napoleone che aveva eletto Palmanova sua piazzaforte. Presente anche la mitteleuropa, intesa come crogiolo di culture.
Tra i personaggi che, in un modo o nell’altro sono stati coinvolti direttamente o indirettamente nella storia locale, ci sono Attila, Casanova, D’Annunzio, il maresciallo Radetzky, Leonardo da Vinci, ma anche Chino Ermacora, Mario Caliz, Valerio Rossitti, Isi Benini, Adriano Tassi, che hanno dato dignità alla ristorazione friulana, e Pietro Martinis, padre della peschicoltura dell’Isontino.
Parlando del territorio non è stata trascurata la lingua friulana. Infatti, nelle pagine della pubblicazione ci sono due testi in friulano a frima di Enzo Driussi e Benvenuto Castellarin, che descrive la civiltà del fiume. Tra le tante chicche storiche, presenti nella pubblicazione, “Pasteur e Chiozza nella Bassa Friulana”. Pasteur è stato un periodo in Friuli e con Luigi Chiozza, chimico, agronomo e fondatore di una amideria a Perteole, frazione di Ruda, e i due scienziati hanno studiato, insieme, le malattie del baco da seta.
Un libro, “A tavola con… la Storia del territorio”, che rende il dovuto merito a quanti, nel tempo, hanno lasciato la loro impronta nella Bassa Friulana.

Tratto da “Fuocolento” a cura di Silvano Bertossi
 

Map

Photogallery

Meteo

Friends

Sorsi e Morsi
Sorsi e Morsi - Cattolica
Bassano Mobili
Bassano Mobili - Misano Adriatico
Virginia
Virginia - Loano
Bassano Mobili 
Bassano Mobili - Civitanova Marche
San Giuseppe
San Giuseppe - Finale Ligure
La Casa dei gelsi
La Casa dei gelsi - Rosà
Oberje dla Viere
Oberje dla Viere - Oulx
Cavalluccio Marino
Cavalluccio Marino - Riccione
Lo Zodiaco
Lo Zodiaco - Rimini

Facebook Comments

Play Hotel
PlayHotel
Play Fashion
PlayFashion
Play Wellness
PlayWellness
Play Beauty
PlayBeauty
Play Fun
PlayFun
Play Dance
PlayDance
Play Magazine
PlayMagazine
Play Welcome
PlayWelcome
Play Home
PlayHome
Play Style
PlayStyle
Play Beach
PlayBeach
Play Spot
PlaySpot

PlayRestaurant - Copyright Studio Lomax - All Rights Reserved - P.I. 01013620099 - Powered by: Inside Web - Policies